Yoga Bible: i libri principali a proposito dello yoga

Yoga Bible: i libri principali a proposito dello yoga

      A volte gli studenti mi chiedono quali libri sarebbe meglio leggere sullo yoga. Qui ci sono due trattati principali e basilari sullo yoga.

“Gli Yoga Sutra di Patanjali”.

     Questo lavoro, insieme alla Bhagavad Gita, è uno dei due pilastri della concentrazione dell’essenza della saggezza, dove è contenuta l’intera filosofia dello yoga. Gli “Yoga Sutra” sono 196 brevi aforismi che descrivono coerentemente i principi dello yoga, i principi del funzionamento della coscienza, alcuni aspetti dell’ordine mondiale (anima-coscienza-corpo-natura-Dio) e modi per liberare l’anima per mezzo dello yoga dalle catene di una serie infinita di piaceri e sofferenze mondani. Gli Yoga Sutra, in confronto alla Bhagavadgita, descrivono un po ‘di più il lato pratico dell’applicazione delle tecniche yogiche.

     Poiché gli aforismi sono molto brevi e sono stati scritti in sanscrito, dove ogni parola ha una vasta gamma di significati, la loro traduzione e interpretazione causa alcune difficoltà. Oggi ci sono circa 50 versioni della traduzione dei sutra con commenti. Come praticante di yoga secondo il metodo Iyengar, ho studiato i sutra, principalmente dai suoi commenti.

    «Bhagavatgita». 

     “Bhagavatgita” è una parte dell’antico poema epico indiano “Mahabharata”, una parte in cui nella forma di un dialogo Krishna espone ad Arjuna la scienza della conoscenza di Dio. La Bhagavatgita è composta da 700 sloka (versi). Rispetto agli Yoga Sutra, la Bhagavatgita descrive di più l’ordine mondiale, e considera anche i vari percorsi dello yoga: jnana yoga, bhakti yoga, karma yoga e meditazione. Considero obbligatorio dire che se leggi la Bhagavatgita nella sua forma “pura” (ci sono anche edizioni come “Bhagavatgita pura”), allora la maggior parte del significato rimarrà nascosto. Il fatto è che anticamente i saggi non si affidavano alla conservazione della conoscenza ai papiri, si passava di bocca in bocca, gli studenti erano costretti a memorizzare testi, libri a memoria. E per prevenire la distorsione (sia inconscia, a causa di una comprensione insufficiente, sia conscia, maliziosa) l’intera essenza, tutta la conoscenza segreta è stata crittografata nei personaggi e nei colpi di scena della trama. Ogni eroe del poema personifica una proprietà, una qualità, particolarità e quindi, avendo la chiave, si può comprendere l’intero significato nascosto.

     Proprio come ci sono molte traduzioni e commenti degli Yoga Sutra, ci sono molte traduzioni e commenti della Bhagavadgita. Ho letto tra l’altro “Bhagavatgita” nella pubblicazione del periodo sovietico, dove è stata ridotta a 500 sloka, cioè, in generale, l’intera filosofia è stata semplicemente tagliata in modo del tutto insolente, senza alcuna menzione nella prefazione. Quindi si può solo immaginare se noi (che vivevamo in URSS) leggiamo davvero esattamente ciò che hanno scritto autori stranieri … A proposito, è anche interessante leggere la Bibbia in inglese – alcune differenze apparentemente insignificanti nella traduzione risultano essere abbastanza profonde.

     I commenti di Sri Aurobindo dopo i commenti di Paramahansa Yogananda mi sembravano troppo superficiali. Ma l’interpretazione di Paramahansa Yogananda è la vera perla della conoscenza! Raccomando questa particolare edizione.  I residenti di altri paesi possono ordinare dal negozio ufficiale.

_________________________________________________

     Se non hai letto alcun libro sulla filosofia orientale o sullo yoga (a proposito, lo yoga è una delle sei scuole ortodosse di filosofia indiana, insieme a sankhiya, nyaya, vaisesika, mimansa e vedanta), allora puoi iniziare con un libro più semplice: B.K.S. Iyengar “Vita nello yoga”. È scritto in un linguaggio abbastanza semplice, per quanto possibile se si considera un argomento così complesso.

 

Condividere:

Lascia un commento