Esercitati secondo le fasi lunari

Esercitati secondo le fasi lunari

     Nello Iyengar yoga, è consuetudine costruire la pratica in base al tipo di pose eseguite durante il mese di calendario come segue: la prima settimana del mese – pose in piedi, la seconda – piegamenti in avanti, la terza – piegamenti all’indietro e la quarta – pose riparatrici. La “coda” di 2-3 giorni è lasciata alla discrezione dell’insegnante / praticante. Come di solito spiegano gli insegnanti, questo viene fatto in modo che non ci siano “distorsioni” nella pratica, quando un praticante ama un tipo di postura che gli piace di più e ignora le posizioni che sono difficili o semplicemente “non gli piacciono”.

     Anche appena ho iniziato a studiare, questa classificazione mi è sembrata un po ‘strana, sembra una buona idea, ma qui sembra che qualcosa non va. Prestando attenzione al fatto che il mese lunare è approssimativamente uguale a 28 giorni terrestri, non ho lasciato una sensazione intuitiva che abbia senso costruire la pratica in conformità con il calendario lunare, c’è qualche connessione con il ciclo naturale, sebbene in quel momento io era ancora molto lontano da “tutte queste cose esoteriche” in linea di principio ed era scettico nei confronti dell’astrologia. La mia insegnante Tatyana Yurizditskaya mi ha consigliato di scrivere una lettera con una domanda al nostro guruji B.K.S. Iyengar, ha detto che risponde alle lettere di tutti, ma mi vergognavo di disturbarlo con la mia domanda senza senso, e dopo 3 o 4 anni il guruji era sparito …

     Quando ho iniziato a leggere qualcosa sulla Luna e la sua influenza sui processi naturali sulla Terra, la mia fiducia nella mia supposizione è cresciuta più forte. Talvolta chiedevo informazioni a insegnanti senior e alcuni mi dicevano che, infatti, dal punto di vista dell’armonizzazione della pratica con la natura, è necessario costruirla esattamente in accordo con il mese lunare, a cui in India, oltre che in Oriente in generale, sono legati proprio molti processi sociali il calendario lunare, ma noi, in Occidente, questo non è accettato, è estraneo alle persone, saranno confuse e così via, e quindi era consuetudine usare il mese del calendario. Questo, vedi, conserva solo una forma, privandolo del suo contenuto …

     A quel tempo, avevo la seguente comprensione: all’inizio del mese lunare, quando la luna sta appena cominciando a dare la sua energia, fai pose in piedi, attivamente, aumentando il suo potenziale energetico; nella seconda settimana del mese lunare, quando la luna dà già una quantità di energia sufficiente, per sporgersi in avanti (che, come sapete, ha un effetto calmante), nella terza settimana la luna continua a dare molta energia, ma questa tendenza è già calante, e quindi è bene fare piegamenti all’indietro, che hanno un effetto tonificante, al fine di preservare l’energia accumulata per tutto il tempo precedente, e, infine, l’ultimo quarto lunare – quando la luna dà poca energia e con la tendenza a diminuirla costantemente, è bene fare pose riparatrici tranquille e / o pose invertite.

     Le scuole di Ashtanga Vinyasa Yoga in India non hanno lezioni in Luna Nuova e Luna Piena. Affatto. “Moon day – no lezioni”. La spiegazione è questa: sulla luna nuova la luna non ci dà energia, le persone sono generalmente indebolite e quindi non dovresti forzare il corpo, esaurirti con la pratica (una sequenza di 2 ore di vinyasa, francamente, non per i deboli in generale), ma su una luna piena c’è troppa energia, persone diventa meno attento, e quindi aumenta il rischio di lesioni o semplicemente di sovraeccitazione nervosa, “pompando” il corpo di energia.

     Quando studiavo alla scuola Ashtanga Vinyasa a Rishikesh, ho notato che le ultime pose nella sequenza sono Sarvangasana e Shirshasana. In questo ordine. Nello Iyengar Yoga, è consuetudine al contrario, Shirshasana viene eseguito ovunque nella pratica, ma prima di Sarvangasana, e Sarvangasana, di regola, viene eseguito proprio alla fine. Ciò che è particolarmente interessante, sia Iyengar che Sri Pattabhi Jois (ora le loro scuole, o stili, sono i più diffusi al mondo), hanno iniziato il loro cammino con uno yogi eccezionale dell’inizio del ventesimo secolo: Sri Krishnamacharya. Quindi, tornando alla sequenza in cui tutti i tipi di pose vengono eseguiti dinamicamente, ma ogni posa non dura a lungo – prima pose in piedi, poi piegamenti e torsioni in avanti, poi piegamenti all’indietro, poi Sarvangasana e Shirshasana, ho notato che questo esegue uno studio sequenziale e l’attivazione del corpo dal basso verso l’alto, dai piedi alla corona. In altre parole, attiviamo costantemente i famigerati “chakra” (che sono ancora un mistero per me, lo confesso onestamente e non speculo con questi concetti) durante ogni lezione. E nell’Iyengar yoga, se guardiamo a questo aspetto, il ciclo di “attivazione dei chakra” si prolunga per un mese. E se lo eseguiamo in conformità con il mese lunare, allora questo, a quanto pare, ha senso, poiché è correlato ai processi naturali, e ha meno senso se lo eseguiamo in conformità con il calendario “sociale”.

     In pratica, quando si costruisce un programma di pratica, è necessario tenere conto di altri aspetti e in alcune situazioni saranno fondamentali. Ad esempio, se un professionista esegue un programma terapeutico per curare una malattia, farà sempre quasi la stessa cosa. Se pratichi le asana 1-2 volte a settimana, puoi fare pose in piedi per la prima settimana, piegamenti per la seconda, ecc., Ma questo non è più adatto ai professionisti su base giornaliera. Personalmente non posso fare pose in piedi o piegamenti all’indietro per 3-4 giorni consecutivi – solo se li fai bene un giorno (e se lo fai, perché lo fai affatto?), Allora i muscoli / legamenti fanno male ed è impossibile dare lo stesso carico per diversi giorni consecutivi , è necessario riposare queste parti del corpo e lavorare su altre. Ma la verità è che i praticanti esperti hanno tonnellate di aspetti sottili della pratica su cui lavorare, quindi c’è sempre “qualcosa da fare”.

     Per quanto riguarda le donne in età fertile, generalmente hanno bisogno di costruire la loro pratica in base al loro ciclo mestruale, che idealmente, se il corpo vive in armonia con la natura, coincide con il mese lunare. In India, ad esempio, una donna durante le mestruazioni dovrebbe stare a casa, riposare, non dovrebbe nemmeno cucinare cibo, in alcune famiglie ortodosse questo è ancora proibito oggi! Ma ci sono famiglie numerose, quindi ci sarà sempre una “sostituzione”. Questo è molto strano per la mentalità occidentale. Ma questo è un altro esempio di come un uomo moderno vive in disarmonia con la natura, non INSIEME con essa, non in ARMONIA con essa, ma in costante confronto con essa, bara se stesso e la natura con il suo comportamento irragionevole, e poi cerca di riprendersi. Diversi secoli fa, la civiltà occidentale si sviluppò e le persone iniziarono a considerarsi “padroni della natura”. “Abbiamo conquistato la natura” … Cosa intendi con “conquistato”? Questo è come “conquistare” i tuoi genitori, che abbattere le tue radici … Non siamo padroni su questo pianeta (perché lo abbiamo deciso?), Ma ospiti.

     Guardiamo al futuro senza perdere le nostre radici e cerchiamo opportunità per armonizzare il più possibile il nostro rapporto con l’ambiente!

Condividere:

Lascia un commento